fbpx

Artedo Firenze, Laboratorio di Danzamovimentoterapia “Il linguaggio del corpo”

roma-danzaterapia-musicoterapia-intelligenza-emotiva-firenze-danzamovimentoterapia

Si svolgerà il 15 e 16 Maggio 2021 il laboratorio di Danzamovimentoterapia “Il linguaggio del corpo – fondamenti della dmt espressiva per la crescita personale, il benessere della persona e l’identità professionale, organizzato dalla Scuola Artedo di Arti Terapie di Firenze .

condotto da Federico Caporale, Danzamovimentoterapeuta, supervisore in DMT, danzatore e formatore.

Scarica il calendario dei laboratori 2021 (Arteterapia, Musicoterapia, Danzaterapia, Teatroterapia) organizzati dalla Scuola Artedo di Arti Terapie di Firenze

Abstract del laboratorio

Contenuti

Il programma darà ampio spazio all’esperienza personale. Le proposte saranno finalizzare a entrare in contatto con il proprio corpo, il respiro, le sensazioni e le emozioni attraverso il movimento e la danza. Il laboratorio sarà focalizzato sulla fondazione del gruppo e sulla relazione. Il laboratorio sarà accessibile a tutti, saranno valorizzate le competenze specifiche a livello corporeo e creativo a favore dell’integrazione e della crescita personale e dell’identità di gruppo.

Per info e partecipazione

Compilate il form in fondo alla pagina selezionando la voce “Partecipa al laboratorio” e scrivendo nel corpo del messaggio Il linguaggio del corpo. Vi contatteremo per fornirvi tutte le informazioni utili per partecipare all’incontro.

Sei un insegnante?

Artedo è Ente Accreditato MIUR per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti. Puoi utilizzare la Carta del Docente per partecipare al laboratorio o iscriverti ad un corso Artedo.

Arteterapia Danzaterapia Musicoterapia Teatroterapia carta del docente

 

 

 

 

Curriculum Docente

Federico Caporale Danzamovimentoterapeuta

Federico Caporale Danzamovimentoterapeuta

Danzamovimentoterapeuta, supervisore in DMT, danzatore e formatore.
Ha una formazione multidisciplinare in arti plastico-pittoriche, arti marziali, danza, percussioni e teatro corporeo.
Si forma in Danzamovimentoterapia E-R (Espressivo-Relazionale) a Roma.
Approfondisce la formazione in Expression Primitive (EP) e Cours Type con H. Duplan, F. S. Billmann, J. Dhaese, Cinzia Saccorotti, M. T. Massella.
Studia percussioni, danze e canti Africani in Africa, Brasile, Uk e Italia.
Si dedica all’insegnamento della danza dal 93 ad oggi Collabora con l’Università di Perugia, con scuole (dall’infanzia ai master universitari), cooperative e varie istituzioni, progettando e attuando percorsi di espressione corporea, danza creativa, danzamovimentoterapia e artiterapie rivolti a studenti, professionisti, diversamente abili e detenuti.
Si forma in Pedagogia del Movimento (Roma) nel primo corso di formazione denominato “La danza va a scuola” a cura di Choronde Progetto Eductivo, corso riconosciuto dal MIUR che ha visto coinvolti i migliori Professionisti Italiani ed Europei che si occupano di Danza Educativa, Pedagogia musicale e del movimento, Laban Movement Analysis, Hoorf, Dalcroze, Euritmia, Community dance e molto altro).
Ha maturato una grande esperienza in campo formativo, prediligendo sempre i linguaggi dell’arte e della comunicazione non verbale.
Da diversi anni collabora con Save the children Italia e Coop EDI (Educazione ai Diritti dell’Infanzia) Romano di nascita, vive a Perugia da venti anni.

#AccadeSoloInArtedo
#FaiDellaTuaPassioneLaTuaProfessione
#Danzamovimentoterapia
#Danzaterapia

Potrebbe interessarti

Trento, il Mandala in Arteterapia

Trento, il Mandala in Arteterapia

Trento, 1 e 2 giugno 2024 – Nel campo dell’uso delle Arti come via possibile di terapia e conoscenza di Sé, fu Carl Gustav Jung ad applicare per primo la parola Mandala ai disegni circolari tracciati da lui e dai suoi pazienti.

Arteterapia a Brescia, laboratorio “Mobiles”

Arteterapia a Brescia, laboratorio “Mobiles”

Brescia, 1 e 2 giugno 2024 – In questo laboratorio di Arteterapia si propone un insolito approccio alle configurazioni artistiche. Abituati ad usare penna, colori e carta, la mente si è disabituata a percepire il movimento costante e incessante delle cose.

× Scopri come iscriverti