fbpx

Musicoterapia

Cos’è la Musicoterapia?

La musicoterapia è una terapia antica, se non forse la più antica. L’uso della musica a scopi curativi risale a più di trentamila anni fa. A quell’epoca la malattia era attribuita a spiriti maligni che dovevano venire scacciati dal corpo e dalla mente della persona malata. Per fare ciò si cercava di allettare o spaventare gli spiriti grazie all’uso di canzoni ritmiche che, al posto delle parole, utilizzavano lamenti monodici e venivano accompagnate dal suono di zucche vuote e tamburi percossi. Questo metodo fu poi utilizzato anche in altri riti e cerimonie. La musica divenne così il mezzo dello sciamano per ottenere la massima concentrazione della mente e del corpo e per intensificare la volontà di ritrovare e di conservare il benessere fisico. La tradizione sciamanica sopravvive ancora oggi in alcune popolazioni che hanno conservato questi canti a intonazione monodica e a ritmo lento.

Il termine musicoterapia è stato coniato dai greci e deriva dai concetti di musikè e therapeia. Per musikès’intende una rappresentazione dell’uomo in parola, suono e movimento; per therapeia l’assistenza, la cura, la guarigione. Oggi con il termine musica intendiamo solamente ciò che è inerente al suono mentre il termine musicoterapia viene utilizzato per indicare la cura di malattie che possono giovare degli effetti terapeutici delle audizioni musicali. Secondo R. Mc Clellan l’utilizzo della musica a scopi curativi si fonda sul fatto che la musica influisce sul nostro corpo fisico per effetto della risonanza. Ciò avviene sia a livello personale (emotivo) che transpersonale (spirituale) e si basa sul presupposto che è nello stress emotivo e in un atteggiamento mentale negativo, causa di squilibri e blocchi energetici, che possiamo trovare la causa primaria della malattia. Nella misura in cui il disturbo viene considerato un sintomo di un malessere la cui ragione va ricercata nella vita emozionale, mentale e spirituale dell’individuo sofferente, la musica può aiutare a ritrovare lo stato originario di benessere, ciò in quanto faciliterebbe l’espressione delle emozioni e potrebbe essere consciamente usata per un vivere migliore.

Kenneth Bruscia, Musicoaterapeuta e Psicologo Clinico delle Temple University di Philadelphia, nel suo libroDefinire la Musicoterapia, propone una distinzione tra  musica come terapia e musica

in terapia. Nel primo caso, la musica agisce indipendentemente dall’ esistenza di un musicoterapeuta e come pratica accessoria ad altre pratiche mediche. Il suo impiego in reparti ospedalieri, ad esempio, serve perridurre l’ansia preoperatoria;

  • coprire i rumori della sala operatoria;
  • rilassare il personale medico prima di un intervento chirurgico;
  • agevolare il risveglio del paziente, ecc.

Nel caso della musica in terapia, la relaizone paziente-terapeuta è preponderante rispetto al fatto musicale. Così la musica e il suono, anche quello prodotto in maniera estemporanea con strumenti di semplice utilizzo, diventa il medium di una relazione. Relazione che può non avere nulla di clinico. Per questo, se utilizzata con pazienti (nel senso medico del termine), va applicata da terapeuti abilitati o in equipe con essi. Dunque, con medici e psicologi e sotto la supervisione clinica di queste figure. Questa visione sfrutta il potenziale della musica (ma anche del rumore) di dar forma sonora a contenuti intrapsichici. Dunque, alle emozioni che, attraverso la musica, diventano un modo di contattare l’altro per finalità e obiettivi diversi. Mentre la terapia rimanda al bisogno di uno spazio protetto in cui abbia motivo di nascere una relazione fiduciaria orientata al prendersi cura, non al curare patologie.

Il metodo Artedo

Il Metodo ufficiale nelle Scuole Artedo di Arti Terapie (Arteterapia, Danzamovimentoterapia, Musicoterapia e Teatroterapia) è il Metodo Autobiografico Creativo di Stefano Centonze.

Si basa sul principio cardine della riscoperta della creatività come medium per la messa in forma delle emozioni. Emozioni, la cui comprensione è la chiave di accesso al benessere personale, alla felicità e alle relazioni gratificanti con gli altri.

Conoscere se stessi, le personali modalità di essere nel mondo, comprendere le emozioni che, attraverso il corpo, intervengono nella relazione e nella comunicazione con gli altri, d’altro canto, agevola l’accesso alla comprensione empatica.

Leggi di più...

I docenti di Musicoterapia

Stefano Centonze (LE)

Stefano Centonze (LE)

MUSICOTERAPEUTA

Giuseppa Pistorio (CT)

Giuseppa Pistorio (CT)

MUSICOTERAPEUTA

Valerio Cadeddu (RM)

Valerio Cadeddu (RM)

MUSICOTERAPEUTA

Marianna Sidoti (PA)

Marianna Sidoti (PA)

MUSICOTERAPEUTA

Angelo Molino (RM)

Angelo Molino (RM)

MUSICOTERAPEUTA

Fabio De Vincentis (TA)

Fabio De Vincentis (TA)

MUSICOTERAPEUTA

Vincenzo Miranda (BA)

Vincenzo Miranda (BA)

MUSICOTERAPEUTA

Tea Baldini Anastasio (BA)

Tea Baldini Anastasio (BA)

MUSICOTERAPEUTA

Simone Gatto (LE)

Simone Gatto (LE)

MUSICOTERAPEUTA

Valentina Graziano (BR)

Valentina Graziano (BR)

MUSICOTERAPEUTA

Mirko Emanuel Banfi (MI)

Mirko Emanuel Banfi (MI)

MUSICOTERAPEUTA

× Come posso aiutarti?